Cantù spaventa gli ortonesi, ma poi è solo Impavida

262
0
Condividi:

Prima vittoria da tre punti in casa, quella di oggi contro la temibile Pool Libertas Cantù. È stato un avvio thriller per i tifosi bianco-azzurri che hanno assistito ad un avvio molle ed incerto dei ragazzi Impavidi. Scappano subito avanti i canturini con i locali che proprio non riescono a star dietro agli avversari. Quando il tabellone elettronico a metà parziale dava la Pool Libertas in vantaggio di ben otto punti, 8-16, sembrava il preludio di una rapida disfatta. La tiepida reazione del finale di set rende meno amara la sconfitta ma il punteggio ed il gioco espresso destavano apprensione. «Eppure non ero preoccupato», racconterà Capitan Andrea Lanci a fine gara. «Mi sentivo tranquillo». Il tempo gli ha dato ragione. La SIECO che torna in campo sebbene nella prima parte della gara fatichi ancora a star dietro agli avversari, macina gioco ed è più reattiva. Dopo essere stata in svantaggio di tre punti 6-8 riesce con uno sprint a ribaltare la situazione. I ragazzi di Coach Lanci capovolgono l’inerzia della gara riuscendo ad avere la meglio sui lombardi e fanno loro il parziale. È il set della svolta. Ora sono gli impavidi a condurre le danze e la Pool Libertas deve accontentarsi di inseguire. Cresce la Sieco al servizio, il sestetto adriatico è più attento in fase di copertura ed il muro di Menicali (6 per lui) è micidiale. Finalmente la Sieco Service produce un gioco di qualità ed i tifosi sugli spalti sono in visibilio. Il quarto set è a tinte bianco/azzurre. I ragazzi di Coach Cominetti provano a stringere i denti per la prima parte del parziale ma dopo l’8-6 gli ortonesi dilagano e alla fine vinceranno il set con dieci punti di vantaggio. Una vittoria da tre punti che permette l’aggancio in classifica proprio ai danni dei canturini e che tiene aggrappata la Sieco al (lungo) treno delle inseguitrici e pretendenti al quarto posto. La prossima sfida che attende i Ragazzi Impavidi è prevista domenica prossima, 25 novembre alle ore 18.00 contro la Gas Sales Piacenza che occupa la seconda posizione con 17 punti in classifica.

 PRIMO SET: Padroni di casa che schierano in campo il Capitano Andrea Lanci al palleggio che avrà come opposto il tedesco Marks. Gli schiacciatori saranno Dolfo ed Ogurčák mentre i centrali Simoni e Menicali. Libero Toscani. Canturini che rispondono con il palleggiatore Alberini e l’opposto Santangelo. Schiacciatori Preti e Gasparini. Pacchetto centrale affidato a Monguzzi e Frattini. Libero Butti. La prima palla del match tocca alla SIECO con Ogurčák ma il primo punto è degli ospiti: 0-1. Primo break per i lombardi, il loro muro intercetta il tentativo di pallonetto messo in atto da Dolfo 1-3. Subito dopo Preti al servizio pizzica la linea di fondo mettendo a segno un ace: 1-4. Recupera in tuffo Dolfo e permette alla Sieco di ricostruire. Ci pensa Ogurčák a metterla a terra 4-5. Non passa Marks che trova muro: 5-7. Senza alcuna opposizione l’attacco di Cantù e quando si è sul 5-9, Nunzio Lanci chiama tempo. Ancora un ace per gli ospiti 5-10. Punto per gli avversari che sembrano inarrestabili la Sieco è ferma a 5 e gli ospiti avanzano fino a 12. C’è anche un fallo di rotazione a conferma che oggi gira tutto storto per i padroni di casa 5-13. Finalmente Ogurčák spezza l’incantesimo 6-14. Il muro di Menicali porta il tabellone sull’8-15 ma la distanza appare ancora incolmabile. Dolfo cerca di tenere a galla i suoi con un “mani e fuori” che vale il 12-18. Il muro di Simoni lima un po’ lo svantaggio che ora è di quattro punti 14-18. Riprende la fuga La Pool Libertas 15-22 con Dolfo che sbaglia il servizio. 18-24, grande vantaggio per gli avversari che hanno sei palle set, ma la prima è annullata dal preciso fraseggio tra il neo-entrato Sitti e Menicali. Si chiude quindi il set con la precisa stoccata di Monguzzi 19-25.

 

SECONDO SET. Si torna al sestetto iniziale per la SIECO. Torna quindi Capitan Lanci al palleggio. Subito out il servizio canturino: 1-0. Murato Dolfo 1-2. Errore di Monguzzi al servizio 3-4. Non tiene la difesa di Marks 4-6. Il muro del solito Menicali regala il pareggio agli impavidi 6-6. Ora si gioca punto su punto, ma Cantù conserva ancora il break 10-10. Ace di Menicali ed è sorpasso 11-10. Ace di Marks 13-11 e time-out per gli avversari. Altra bomba dell’opposto tedesco, ora la Sieco vola a +3: 14-11. Murone di Michele Simoni che da solo ferma l’attacco di Cantù 16-13. Bravi gli ospiti nel ricostruire una palla difficile ed ora il gap è quasi colmato 17-16 con Nunzio Lanci che chiede tempo. Il video-check, tra l’incredulità generale assegna una palla che sembrava davvero essere uscita abbondantemente, agli avversari, 17-17. Ace di Ogurčák 19-17. Fischiata la doppia ad Alberini 20-17. Ancora un muro di Menicali 22-17 e canturini che interrompono il gioco. Di nuovo Ace e di nuovo Ogurčák, 22-17. Scatenato Fero, che si concede ancora un Ace 23-17. Dolfo ammette il suo tocco a muro 23-19. Pallonetto preciso di Menicali e Sieco pronta a godere dei suoi 5 set point. 24-19. Chiude il colpo Bibob Marks e la gara torna in equilibrio 25-20.

 

TERZO SET. Nessuna variazione. Piccolo incidente durante una fase di recupero piuttosto concitata. Santangelo inciampa su una confezione di vino a bordo campo, omaggio agli ospiti dello sponsor Cantina di Ortona, e manda in frantumi una bottiglia di bianco. Il gioco è interrotto per rimuovere i pericolosi cocci di vetro. Non si intendono Menicali e Lanci, vanno in due a palleggiare in recupero e commettono fallo 2-2. Lanci la tocca quel tanto che basta a mettere fuori tempo il muro ospite 5-3. Tira fuori preti il suo servizio, 7-7. Muro di Ogurčák 9-7. Facile l’appoggio di Marks che conquista il decimo punto, ma gli avversari sono a nove. Fischiata un’invasione a Marks che però non è convinto e Nunzio Lanci chiede il check. Dopo lunga consultazione si stabilisce che … la palla è contesa. L’azione è da ripetersi perché l’invasione non c’era. Poi però Ogurčák batte fuori ed il punteggio è comunque 10-10. Il muro di Marks va fuori, ma gli impavidi vogliono la conferma dall’elettronica, che arriva puntuale: 11-12. Tocco intelligente di Marks che ribalta il punteggio ora è la SIECO ad essere in vantaggio 13-12. Bella botta di Ludo Dolfo che trova l’ace: 16-13.  Marks ha buon gioco sul muro avverso, trova la mano esterna e la palla inesorabilmente carambola fuori 18-15. Out l’attacco di Dolfo e ospiti che si fanno sotto 19-18. Time Out per Lanci. Ancora l’elettronica è chiamata a giudicare il servizio di Cominetti, ma l’arbitro aveva visto giusto, palla Out. 21-19. Marks la butta giù pesante e nulla può la difesa del Cantù, la palla schizza via 22-19. Sfiora Dolfo a muro, ospiti più vicini di un punto 22-20. Out il servizio di Baratti, che era entrato proprio per il servizio. Sieco ad un passo dall’aggiudicarsi il set 23-20. Fortunoso ace di Dolfo, ed ora, con 4 Set point, manca davvero poco 24-20. Perfetta copertura di Simoni così come il palleggio di Lanci e ottimo poi Ogurčák nel finalizzare al meglio 25-20.

 

QUARTO SET. Si inizia il quarto set con un punto già in tasca e nessuna variazione da segnalare. La coppia Simoni/Dolfo mette a segno un muro che vale il doppio vantaggio locale 2-0. Dolfo colpisce al volto Monguzzi, colpo fortuito e subito lo schiacciatore Impavido di scusa con l’avversario. Stretta di mano e 4-3. Invasione fischiata agli ospiti 6-3. Ace di Preti, Cantù è ora pericolosamente vicino 6-5. Murato Marks e aggancio riuscito 6-6. Ogurčák e la sua schiacciata toccata a muro valgono l’8-6. Inesorabile Chris “Bibob” Marks, che sta cominciando a carburare nulla può Butti 9-6. Fallo di rotazione fischiato agli ospiti 11-6. Muro ortonese del solito Menicali 12-6. Doppia lombarda, il divario tra le due squadre aumenta 14-6 e Coach Cominetti, gioco forza, chiama tempo. Si gettano in tre per prendere il pallonetto di Ogurčák, ma nessuno di loro riesce 15-7. Invasione del palleggiatore Alberini 17-7. Out il servizio di Marks 19-11. Lesto Dolfo raccoglie di piede una palla di ritorno dal muro, l’azione prosegue ed è sempre lui che finalizza: 20-11. Ace anche per Simoni, ed è 22-12. Ancora una volta Simoni fa punto al servizio 23-12. Cantù non riesce a recuperare dopo un pallonetto di Ogurčák 24-13 ed ormai per la Sieco è solo una formalità. Menicali schiaccia fuori ma Lanci invoca il Video-Check. La palla è fuori ma se non altro ha spezzato la concentrazione degli avversari. E infatti, subito dopo Frattini batte malamente sulla rete. La Sieco vince set e partita: 25-14.

 

Menicali: «Il primo set di questa gara è forse stato uno dei nostri peggiori. Per fortuna poi ci siamo sbloccati. Sarebbe opportuno cominciare bene e finire altrettanto bene. Dobbiamo giocare più sciolti e ognuno di noi deve prendersi maggiori responsabilità. Certo, non siamo arrivati alla nostra massima espressione, dobbiamo continuare questo processo di miglioramento ma con la prestazione di oggi si sono apprezzati dei miglioramenti».

 

Marks: «Si. È la mia miglior prestazione in casa e ne sono felice. Tuttavia non posso ancora dirmi soddisfatto. So di avere ancora margini di miglioramento e lavorerò duro per raggiungere il mio top. Fino ad ora non avevo mai giocato con così tanta serenità. Inspiegabilmente soffro molto la pressione della gara. Ho bisogno di sbloccarmi a livello emotivo, mentale e quello compiuto oggi è un passo verso la direzione giusta.»

 

Nunzio Lanci, intanto si gode il suo opposto: «Marks è un opposto atipico. Bisogna servirlo quando hai una ricezione positiva e palla alta. Quando poi trova continuità ed entra bene in partita diventa inarrestabile. Cosa è cambiato rispetto al primo set? Siamo cresciuti molto al servizio. Abbiamo due braccia pesanti in squadra da sfruttare in battuta, Dolfo e appunto, Marks. Proviamo tanto il servizio in allenamento ed è sempre micidiale. Poi in gara c’è molta più pressione, per questo dobbiamo essere più tranquilli e confidare nei nostri mezzi»

 

Sieco Service Impavida Ortona – Pool Libertas Cantù 3-1 (19/25 – 25/20 – 25/20 – 25/15)

 

Sieco Service Impavida Ortona: Simoni 4, Pesare (L) n.e., Zanettin n.e., Berardi n.e, Dolfo 19, Toscani (L), Sitti, Sorrenti n.e., Lanci 1, Marks 18, Fiscon n.e, Ogurčák 13, Menicali 10. Allenatore: Lanci N.

 

Pool Libertas Cantù: Suraci n.e., Corti n.e., Monguzzi 6, Butti (L), Cominetti 10, Rudi (L), Santangelo 15, Danielli n.e., Santangelo 15, Danielli n.e, Baratti, Frattini 5, Gasparini 4, Preti 16, Pellegrinelli n.e., Alberini. Allenatore: Cominetti

 

Durata Set: I (26’), II (26’), III (32’), IV (21’)

Durata Totale: 1h.45

Aces: Ortona 9, Cantù 4

Errori Al Servizio: Ortona 13, Cantù 20.

Muri Punto: Ortona 11, Cantù 8.

 

Arbitri dell’Incontro: Autuori Enrico (SA), Morgillo Davide (Na)

 

Condividi:
Stampa Articolo