La SIECO batte il Club Italia ma non riesce a centrare la Coppa Italia

466
0
Condividi:

Come da pronostico il match tra la SIECO Service Impavida Ortona ed il Club Italia CRAI Roma si è dimostrato gradevole ed equilibrato, come testimoniano i parziali sempre molto stretti. SIECO che soffre in ricezione nel primo set, circostanza che non mette il Capitano Andrea Lanci nella condizione migliore per servire i suoi. Gli avversari però non ne approfittano, sbagliano quattro ricostruzioni e gli adriatici si aggiudicano il set. Il secondo parziale mantiene l’equilibrio visto in precedenza ma è il Club Italia ad accelerare il passo tentando una mini-fuga. Bravi gli ortonesi a non scomporsi e a trovare prima il pareggio e poi il sorpasso al photofinish con Ogurčák e Marks. Puntuale al terzo set arriva il solito calo di concentrazione degli Impavidi che subiscono un importante gap di sette punti proprio sul finale. Coach Lanci scuote i suoi durante il time-out e gli abruzzesi tornano a macinare gioco. Troppo tardi, però per ricucire del tutto lo svantaggio accumulato e Club Italia tira un sospiro di sollievo quando mette a terra la palla del 23-25. Si rientra in campo per il quarto set e riecco il solito equilibrio. Poi gli ortonesi salgono a muro ed al servizio e vanno avanti 16-9. Club Italia però non ci sta e trova un pareggio che rimette tutto in discussione: 19-19. La SIECO si sveglia bruscamente Marks e Dolfo riprendono la distanza di sicurezza con un ace a testa per poi chiudere la pratica grazie al solito opposto tedesco. Quest’ultimo turno era molto importante perché avrebbe deciso le quattro destinate a giocare la Coppa Italia. La SIECO spera in una sconfitta del Catania, ma i siciliani, sotto di due set, riescono nell’impresa di rimontare l’insidiosa Pag Taviano e conquistare al tie-break quei due punti necessari a non farsi scavalcare da Lanci & Co. Accedono alla Coppa Italia Bergamo, Piacenza, Catania e Grottazzolina. Top Scorer della gara Christoph Marks con 22 punti. Nel prossimo turno, il 30 dicembre alle 18.00, la SIECO sarà di scena in casa della prima in classifica Olimpia Bergamo per dare il via al girone di ritorno. Ma se la Coppa Italia è sfumata, la SIECO potrà gioire del premio “28 Dicembre” che ogni anno il Comune di Ortona assegna a concittadini, organizzazioni ed associazioni sportive che danno lustro alla Città di Ortona sui palcoscenici nazionali e mondiali.
PRIMO SET. L’ultima partita di questo girone di andata vede la SIECO Service Impavida Ortona schierarsi in campo con il Capitano Andrea Lanci al palleggio ed il suo opposto Marks. Il pacchetto dei centrali è formato da Simoni e Menicali, mentre gli schiacciatori sono Dolfo ed Ogurčák. I giovani del Club Italia, invece, scendono in campo con Zonta palleggiatore e Stefani opposto. Cianciotta e Mosca al centro, mentre Recine e Motzo schiacciatori. Federici Libero. Il primo servizio dell’incontro è a favore del Club Italia con Zonta. Subito il punto della Sieco con Marks che ha buon gioco sul muro. Super servizio di Dolfo, ace e 5-2. Anche Menicali sfrutta il muro in primo tempo, mani e fuori 9-5. Ogurčák salva di piede, Lanci la da a Dolfo che in pallonetto segna il 10-6. Ace per il Club Italia, il merito va a Cianciotta 12-11. Stefani schiaccia sull’asta 15-12, poi Lanci con un ace costringe Cresta al primo time out 16-12. Murato Marks dal gigante Mosca 16-14. Out il servizio di Zonta, gli ortonesi possono rifiatare 18-16. Funziona alla grande il muro dei giovani del Club Italia, fermato anche Dolfo e sul 18-18 anche Nunzio Lanci è costretto a chiamare tempo. Sorpasso compiuto al Club Italia ace di Salsi. 18-19. La Pipe di Ogurčák vale il 20-20. Ogurčák capitalizza una difesa di Toscani e 23-22 con Club Italia che si rifugia nel secondo Time Out. Menicali con un muro regala il primo set point 24-22. Il punto decisivo arriva al secondo tentativo ed ha la firma di Marks 25-23.
SECONDO SET. Si parte senza variazioni nei sestetti, ma al servizio c’è Simoni, ma il primo punto è di Recine 0-1. Si ricorre subito al video-check assegna la palla alla Sieco 2-2. Invasione fischiata agli ospiti 4-4. Errore di Dolfo al servizio 7-7. Lanci ha buon gioco al centro 9-9. Fuori la Pipe di Club Italia 10-9, ancora Lanci al servizio. Tocca a muro Menicali 11-12. Fortunoso ace di Recine 11-13. La bomba di Marks è toccata dal muro 13-14. Sbaglia Motzo, la sua schiacciata tocca il nastro e va fuori 15-15, poi Dolfo firma il sorpasso 16-15. Marks non sbaglia 18-17. Ogurčák fa 19-18. Bomba di Menicali 20-19. Sul 20-20 Mister Lanci chiama tempo. Ottima scelta quella di Marks che mette a terra un prezioso pallonetto 22-21. Dolfo mette in difficoltà la ricezione ospite, la palla torna nel campo dell’Ortona e Ogurčák finalizza 24-22. È lo stesso Ogurčák a mettere fine anche al secondo parziale 25-22
TERZO SET. Ospiti subito avanti, buona la fase di copertura 0-2. Errore di Menicali al servizio 1-3. Martellata di Marks 2-3. Fischiato un fallo al palleggiatore della CRAI 4-3. L’errore di Cianciotta tiene avanti gli ortonesi 7-6. Buono il muro di contenimento di Ogurčák, ma i compagni non ne approfittano 7-9. Gli avversari allungano 7-10 e Nunzio Lanci chiama tempo. Out l’attacco di Dal Corso ed il Gap si riduce 9-10. Ace di Ogurčák, ed è sorpasso 12-11. Il video-check, a differenza dell’arbitro vede dentro un altro servizio di Ogurčák 13-11. Buon momento per gli avversari che allungano 13-15. Invasione aerea fischiata a Menicali che non si capacita 14-17. Il muro ortonese è ingannato da un pallonetto 14-19. Errore di Marks al servizio 15-21. Rosicchia un paio di punti la SIECO 17-21 e Dolfo continua a servire. Ogurčák macina gioco per i suoi 19-21. Simoni non riesce a contenere la schiacciata avversaria 20-23. Sono tre i set point per gli avversari, quando Motzo serve il punteggio è 21-24. Dolfo pizzica la linea in diagonale 23-24. Dolfo non riesce a chiudere la porta a Recine ed ospiti che si aggiudicano il terzo set sul filo di lana 23-25.
QUARTO SET che si avvia equilibrato, quando Ogurčák sbaglia il servizio siamo sul 4-4. Menicali mette in difficoltà la ricezione ospite e Marks ne approfitta. Poi è ancora Menicali, ma stavolta fa ace 6-3. Ottimo il muro di Michele Simoni 8-4. Murato Marks 8-6. Ancora a segno Dal Corso 10-9. Muro a due. Ogurčák e Menicali si spartiscono il punto del 12-9. Fischiata una doppia al palleggiatore avversario 14-9. Ogurčák blocca l’attacco di Salsi 16-9. Marks da respiro ai suoi dopo che gli avversari si erano fatti pericolosamente sotto 18-16. Ace di Zonta 19-19. Importantissimo l’ace di Marks che porta i suoi sul 21-19. Ancora un ACE ma questa volta è merito di Dolfo. 23-20. L’ultimo punto è di Marks, la SIECO conclude il girone di andata con una vittoria
Andrea Lanci: «Un avversario bello tosto con un muro molto efficace. Gamba è stato formidabile. Rispetto alle prime gare siamo più uniti, riusciamo a rimanere compatti anche nei momenti di difficoltà. Non è una vittoria da sminuire, questa. Contro il Club Italia è stata una bella vittoria di squadra. Sono tre punti importanti perché andiamo avanti con il nostro filotto di risultati positivi. Anche se non siamo riusciti a qualificarci per la Coppa Italia, questi tre punti ci permetteranno di affrontare la prossima, difficilissima trasferta a Bergamo senza una eccessiva pressione»
Sieco Service Ortona – Club Italia Crai Roma 3-1 (25-23 / 25-22 / 23-25 / 25-22)
Sieco Service Impavida Ortona: Simoni 6, Pesare (L) n.e., Berardi, Dolfo 9, Toscani (L), Sitti, Sorrenti, Lanci 1, Marks 22, Fiscon n.e., Ogurčák 16, Menicali 8. Allenatore: Lanci N.
Club Italia Crai Roma: Stefani 8, Biasotto n.e, Cianciotta 8, Zonta 1, Motzo 15, Magalini n.e, Federici (L), Recine 17, Benedicenti n.e., Dal Corso 1, Mosca 4, Di Marco (L), Gamba 12, Salsi 4oooo. Allenatrice: Cresta Monica
Durata Set: I (25’), II (27’), III (29’), IV (28’)
Durata Totale: 1h 49’
Aces: Ortona 7, Roma 5
Errori Al Servizio: Ortona 18, Roma 17
Muri Punto: Ortona 7, Roma 14
Arbitri dell’Incontro: Toni Fabio (Tr), Dell’Orso Alberto (Pe)
Classifica: Bergamo 35, Piacenza 32, Catania 26, Grottazzolina e ORTONA 25, Gioia Del Colle 22, Cantù 21, Castellana Grotte e Club Italia 20, Taviano 14, Cuneo 10, Prata 9, Cisano Bergamasco 8, Tuscania 6.

Condividi:
Stampa Articolo