La Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania spaventa i ragazzi della SIECO Service Impavida Ortona che non riescono a trovare il bandolo della matassa di un primo set nel quale nulla riesce agli adriatici e tutto ai laziali e per vedere il primo muro bianco-azzurro bisognerà attendere il secondo parziale. La partenza dei padroni di casa è super, tanto che già dopo pochi minuti gli Impavidi si trovano sotto 5-1. Gli ortonesi non riusciranno mai a colmare completamente il gap sebbene ci abbiano provato fino alla fine. Ma il vento cambia subito e la situazione è capovolta. Tuscania, forse ingannata dall’approccio morbido della SIECO rientra in campo deconcentrata e spreca un patrimonio di sette punti dalla linea dei nove metri. È un errore fatale contro una Ortona che al contrario è in crescita, e che riesce a capitalizzare finalmente le tante occasioni di ricostruzione offerte dai Liberi Toscani e Pesare avvicendatisi nei compiti di ricezione e copertura. Da li in avanti, i ragazzi di Coach Lanci avranno la gara in mano. Se proprio si vuol trovare qualcosa da rimproverare al sestetto ortonese, sono i soliti cali di concentrazione che hanno portato gli avversari a tornare pericolosamente vicini in più occasioni. D’altra parte, però, ad ogni flessione nelle trame abruzzesi è seguita subito una ripresa del gioco a pieno regime che ha nuovamente allontanato gli avversari. Si è insomma tirato un po’ il fiato prima di impegnare le forze per l’affondo finale. Più volte nel corso della gara il tecnico Nunzio Lanci ha sfruttato il talento del giovane Fiscon nel fondamentale del servizio. Per lui un ace e tante gatte da pelare lanciate sugli avversari che hanno sofferto molto la sua potente battuta.
Volendo poi fare i conti in tasca alle altre squadre impegnate nel trenino valido per il terzo e quarto posto c’è da registrare la vittoria della Videx Grottazzolina per 3-0 sul Cuneo e la sconfitta subita in casa dal Catania per 1-3 dal Cantù. I marchigiani si assestano quindi al quarto posto, con un punto in meno rispetto alla Sieco, ancora terza. Siciliani invece che scivolano al sesto posto (perdendo tre posizioni in due settimane) superati proprio dalla Pool Libertas Cantù. Ora i ragazzi troveranno per un giorno il meritato riposo tornando in palestra per preparare la prossima, insidiosa gara in casa con la Gioiella Gioia Del Colle domenica 27 gennaio alle ore 18.00
PRIMO SET con i padroni di casa che schierano li palleggiatore Soli e Osmanovic opposto, Formela e Panciocco schiacciatori, e Ball centrali, Sorgente libero. La Sieco cercherà di vendicare la sconfitta dell’andata con Andrea Lanci al palleggio e Marks opposto. Ogurčák e Sorrenti in banda, Simoni e Menicali al centro e libero Toscani. Il primo servizio è nelle mani di Ogurčák ma Formela trova il punto battendo Menicali in un contrasto a rete 1-0. Ed è subito break per i padroni di casa, Osmanovic trova il 2-0. Ancora un contrasto vinto dai padroni di casa, questa volta da Panciocco 4-1. Murato Sorrenti, gli avversari stanno prendendo troppo vantaggio e Nunzio Lanci chiama tempo: 5-1. Sorrenti sbroglia la situazione on un pallonetto 6-2. Buono il primo tempo messo in scena da Lanci e Simoni 6-4. Punto di Panciocco che pesca una zona non coperta a fondo campo 9-6. Rilevata una invasione di Ogurčák ed è 11-6. Bravissimo Ogurčák al servizio che trova l’Ace 12-9. Il muro di Panciocco nulla può con la schiacciata di Marks 14-11. L’Ace per Osmanovic regala ai suoi il massimo vantaggio 18-12. La Sieco trova un mini-break e sul 18-14 c’è il primo tempo richiesto dai padroni di casa. Molto bravo Ogurčák a sfruttare la mano esterna del muro e con un pallonetto guadagna punto 19-16. Out il servizio di Ball ma Tuscania è ancora lontana quando il tempo stringe 21-17. Soli non riesce a servire Osmanovic, il punto va alla Sieco 22-19 e secondo Time-Out per Mister Nacci. L’invasione di Sorrenti stoppa la rincorsa ortonese 23-20. Palla a rete per Marks al servizio e Tuscania ha 3 set ball a disposizione. Sempre Marks sbaglia l’attacco e regala il set alla Maury’s 25-21.
SECONDO SET con entrambe le formazioni che rientrano in campo senza variazioni. Subito ace per Formela, 1-0. Out il servizio di Osmanovic 3-3. Buona la schiacciata di Marks che attacca bene una palla che arriva da dietro 4-5. Arriva finalmente un muro, Ogurčák va in break 6-8. Pallonetto di Formela 7-9. Marks intercetta una palla di ritorno ed incrementa il vantaggio per i suoi 7-11. Osmanovic murato fuori 9-12. Tuscania approfitta di un errore in ricezione della SIECO 10-12. Marks pesta la linea di fondo sul servizio 11-13. Osmanovic gioca bene con il muro ortonese e guadagna il punto del 13-14. Buono il primo tempo di Menicali 14-18. Palla a rete per Formela al servizio 15-20. Infrazione a rete per il Tuscania che chiede, senza soddisfazione, l’aiuto del video-check 15-22. Ennesimo errore al servizio per i laziali ora la Sieco ha una buona probabilità di mettere in pari la gara. Annullato però da un muro di Bara il primo set ball 18-24. Ancora un Set Ball annullato da Tuscania e sul 20-24, Nunzio Lanci decide che è ora di interrompere questa sequenza nefasta. Alla fine sarà Sorrenti a mettere a terra la palla decisiva, ora la situazione è in parità 21-25.
TERZO SET con la SIECO al servizio. La palla è tra le mani di Simoni ma il primo punto è del Tuscania 1-0. Attacco out per Marks ed è il primo break del set 2-0. Il video-check dice che il tocco a rete impavido non c’è ed è quindi pareggio 2-2. Stavolta è Nunzio Lanci a chiamare in aiuto l’elettronica per un tocco ravvisato a Menicali. Il tocco non c’è ed è punto all’Ortona 3-4. Fermato a muro Sorrenti, Tuscania è di nuovo avanti 6-5. Sorrenti e la sua parallela mettono il punteggio sul 7-7. Ace di Fiscon, nel frattempo entrato proprio per il servizio 7-8. Riesce questa volta il contrattacco alla SIECO bello il palleggio per Marks che dalla seconda linea schianta il punto del 8-10, poi Ace fortunoso per Simoni 8-11. Primo tempo di Menicali, 10-12. Cappelletti mura Marks 12-13. Muro impavido, Ogurčák salva il vantaggio 12-14. Il muro laziale non può nulla questa volta, Marks guadagna il 13-16. Ace sporco di Marks che mette in seria difficoltà la ricezione dei padroni di casa 14-18. Pallonetto di Formela 16-19. Out il muro di Ogurčák e sul 17-19, Nunzio Lanci ferma il gioco. Lanci insiste su Ogurčák e ha ragione 17-20. Il Muro della Maury’s finisce fuori e Nacci chiama tempo sul 18-22. Bello e preciso il pallonetto di Marks 19-23. Errore in ricezione per Tuscania e Menicali non perdona 19-24. Primo punto-set annullato da Cappelletti 20-24. È Marks a chiudere i conti per questo terzo set grazie ad un pallonetto che inganna il muto 20-25.
QUARTO SET che comincia a formazioni invariate con Tuscania al servizio con Soli. Il primo punto è però di Marks che gioca sulla mano esterna del muro. 0-1. Sorrenti conquista subito il break 0-2. Out anche l’attacco di Osmanovic 0-3. Murato Marks da un Panciocco in grande serata 2-3. Fermato Marks dal perfetto muro a tre 4-6. Fermato di nuovo a muro Marks 6-7. Out il primo tempo di Menicali 8-9 poi fermato Ogurčák 9-9. Osmanovic fermato da Menicali 9-11. Primo tempo di Fall murato da Simoni 10-14. Chiesto un controllo dalla SIECO per invasione a muro. L’invasione non c’è, punto a Tuscania 11-14. Buono il primo tempo tra Soli e Fall 13-15. Il primo tempo di Simoni serve a mantenere le distanze 14-16. Sorrenti da posto quattro capitalizza la ricostruzione 14-18. Menicali chiude la strada a Buzzelli. Il suo muro vale il 15-20. Errore al servizio per Simoni, 16-21. L’attacco di Marks passa fuori banda 18-21. Formela continua a recuperare punti per Tuscania, sul 19-21 Nunzio Lanci chiama tempo. Questa volta il servizio di Panciocco si infrange sulla rete 19-22. Il muro di Tuscania non riesce a contenere la potenza di Marks 20-23. Menicali ferma la Pipe di Panciocco ed è match ball 20-24. Out il servizio di Buzzelli, la SIECO vince set e partita 20-25.
Nunzio Lanci: «È stata dura, più dura rispetto a quanto i non addetti ai lavori potessero mai immaginare. Tuscania ce l’ha messa tutta. Sono scesi in campo con il giusto atteggiamento riuscendoci a mettere in seria difficoltà. Bravi i miei ragazzi a riprendersi subito, a cambiare marcia e a portare a casa il risultato. Con Gioia Del Colle sarà ancora più difficile ma siamo pronti a sfruttare il favore campo per cercare di fare un importantissimo bottino pieno». Contenti del risultato anche i due liberi Alessandro Toscani e Giancarlo Pesare: «Siamo partiti male» esordisce il primo. «Abbiamo fatto l’errore di guardare la classifica e di affrontare le prime battute della gara con troppa sufficienza. Sono stati bravissimi sia a muro che in copertura. Per fortuna siamo riusciti a ricompattarci e a crescere in difesa, questo ci ha permesso di ricostruire e finalizzare. Adesso ci aspetta una settimana importantissima. Dobbiamo prepararci al meglio per il delicato incontro con Gioia Del Colle e a tal proposito vorrei invitare i nostri tifosi a ritrovarsi al palasport per darci una mano in questo insidioso match». Giancarlo Pesare: «Era importantissimo vincere e tornare a casa con i tre punti e per fortuna così è stato. Dopo un primo set sotto tono siamo riusciti ad esprimere il nostro gioco e ad aggiudicarci la gara. Sono contento per la mia prestazione. È importante farsi trovare pronti per dare una mano alla squadra quando si viene chiamati in causa»

Maury’s Italiana Ass. Tuscania – Sieco Impavida Ortona 1-3 (25/21 – 21/25 – 20/25 – 21/25)
SIECO Service Impavida Ortona: De Waard n.e., Simoni 8, Pesare (L), Berardi n.e, Toscani (L), Sitti n.e., Sorrenti 12, Lanci A., Marks 23, Fiscon 1, Ogurčák 16, Menicali 8. Allenatore: Lanci N.
Maury’s Italiana Ass.Tuscania: Buzzelli P, Sorgente (L), Soli 6, Panciocco 15, Fall 5, Fabi, Osmanovic 13, Gentilini (L) n.e., Formela 24, Cappelletti 7, Piedepalumbo, Ragoni n.e. Allenatore Nacci
Durata Set: I (27’), II (29’), III (27), IV (26’)
Durata Totale: 1h 49’
Aces: Tuscania 2 – Ortona 3
Errori Al Servizio: Tuscania 15 – Ortona 12
Muri Punto: Ortona Tuscania 12 – Ortona 6
Arbitri dell’Incontro: Caretti Stefano (Roma) e Verrascina Antonella (Roma).
Classifica: Bergamo 43, Piacenza 43, ORTONA 33, Grottazzolina 32, Cantù 29, Catania 29, Castellana Grotte 28, Gioia Del Colle 26, Club Italia Roma 25, Prata 17, Taviano 16, Cuneo 14, Cisano 12, Tuscania 7.
*Bergamo e Gioia Del Colle una gara in meno
Foto di Luca Laici