Brava Sieco! Gli impavidi respingono l’assalto del Lagonegro e intascano tre punti d’oro

198

Ancora una vittoria per la Sieco Service Impavida Ortona. Tre punti preziosissimi che arrivano contro un avversario ostico che alla fine ha dovuto arrendersi  ad un’Impavida in crescendo. Tanti gli errori al servizio dall’una e dall’altra parte ma con i potentini che per gran parte della gara hanno alzato un muro coriaceo che è riuscito a tenere a bada le bocche da fuoco abruzzesi. Al di fuori del risultato è stata una gara spettacolare giocata sul filo del rasoio con azioni lunghe e continui ribaltamenti di fronte. Continua lo stato di grazia del brasiliano Gabriel Pessoa che vince la sua personale sfida con l’altrettanto straordinario Milan, schiacciatore dei Lucani. Saranno infatti 19 i punti messi a segno da Pessoa, 5 dei quali direttamente dai nove metri. Milan si ferma invece a 18.

Tutto quello che non era riuscito nel corso della gara la Sieco lo fa nel quarto e decisivo set. I Ragazzi Impavidi alzano il muro e in un solo parziale ne mettono a segno il doppio rispetto ai set precedenti. Dei nove muri punto totali, quattro hanno la firma di Ferrato che, con i suoi due punti conquistati con tocco di prima, dimostra di avere una straordinaria visione di gioco.

La contemporanea sconfitta del Siena sul campo del Brescia e la frenata di Cantù e Porto Viro accorciano ulteriormente la classifica nelle zone basse rendendo questo campionato sempre più aperto ed avvincente.

IN SINTESI

Una gara che parte subito fortissimo. Le due squadre si rendono protagoniste di un avvio scoppiettante fatto di difese e contrattacchi. Un buon turno al servizio del solito Pessoa ed un’attenta fase di copertura garantiscono ai padroni di casa la prima mini-fuga. Mini fuga che dura poco, Lagonegro sfrutta due errori consecutivi in attacco degli ortonesi e il set torna in equilibrio. Equilibrio che durerà fino alla fine del parziale. Alla fine la spunterà la Sieco ai vantaggi dopo aver avuto due set-point a disposizione sul 24-22.

Curioso avvio del secondo set, quando i primi cinque servizi del parziale vanno fuori, o sulla rete. In pratica il tabellone dei punti si muove senza giocare. Poi il gioco si accende e, grazie ad una difesa attenta, Lagonegro conquista il punto break costringendo gli impavidi ad inseguire. La ricezione degli abruzzesi si fa deficitaria e Lagonegro tenta la fuga. Qualche errore individuale di troppo condanna la Sieco a cedere il secondo parziale agli avversari che hanno avuto un’impressionate abilità in fase difensiva.

Parte forte Lagonegro ma la Sieco trova la forza di colmare un gap che rischiava di diventare importante. Seconda parte del set in equilibrio Milan da una parte e Pessoa dall’altra si danno battaglia ed è un piacere per gli occhi. È il muro che fa la differenza in questo set. Efficace quello degli ospiti e quasi inesistente quello dei padroni di casa. Il ritorno dei padroni di casa, complice anche un calo fisico degli ospiti permette alla Sieco di prendere il primo dei tre punti in palio.

Avvio Shock di Lagonegro nel quarto parziale, che in un batter d’occhio è già avanti di quattro punti. La Sieco non si scompone e riesce a mettere subito in atto un parziale di 4-0 che vale il pareggio. Il muro di Ortona non riesce a prendere le misure agli attacchi dei lucani che riescono quindi a mantenere un punto break di vantaggio. A metà del parziale Fabi inanella una serie di servizi insidiosi. La ricezione ospite è in difficoltà e la Sieco sa approfittarne scavando un buon margine di vantaggio. Questa volta gli ortonesi mantengono il sangue freddo, Argenta spreca un paio di occasioni per raddrizzare la situazione ma per fortuna sparacchia fuori. Fabi invece è lucido: raccoglie l’invito di Ferrato e chiude set e incontro.

PRIMO SET

Per la Sieco Ortona, coach Lanci ritrova l’opposto Santangelo e lo schiera con Ferrato al palleggio. In posto tre ci sono Pessoa e De Paola mentre al centro Fabi affiancherà Capitan Elia. Libero Fusco. Gli ospiti rispondono con la diagonale formata da Pistolesi e Argenta. Gli schiacciatori scelti sono Di Silvestre e Milan mentre al centro Mziarz e Bonola. Hoffer libero.

La palla è tra le mani di Milan che darà il via all’incontro. Il primo punto dell’incontro, però è di Santangelo 1-0. Milan pareggia i conto 1-1. Arriva il primo errore al servizio ed è di Ferrato 2-2. Punto break conquistato da Maziarz che sfrutta una palla di ritorno da buon servizio di Argenta. Doppio Ace di Pessoa 6-3. Argenta, ben smarcato da Pistolesi mette a terra il 6-4. Fuori il servizio di Maziarz 8-5. Invasione fischiata a Lagonegro, il video-check interviene e da ragione all’arbitro 9-5. Fuori l’attacco di De Paola 9-7. Fuori anche l’appoggio di Elia 9-8. Pistolesi poi sbaglia dai nove menri 10-8. Santangelo fermato dal muro a tre 10-10. Fuori la parallela di Pessoa, sorpasso degli ospiti e timeout per Nunzio Lanci 11-12. Questa volta è Ferrato a smarcare bene Santangelo che senza muro firma il 12-12. Fuori l’attacco di De Paola 12-14. Invasione fischiata a Lagonegro 14-15. Fabi mette in difficoltà la ricezione ospite, la Sieco ricostruisce e fa 15-15. Santangelo la tira fuori da i nove metri 16-17. Muro di De Paola 17-17. Invasione aerea per la Cave Del Sole 18-17. Errore al servizio di Argenta 21-20. Errore anche per Bulfon, entrato appositamente: 21-21. Il videocheck controlla un attacco di Argenta e lo valuta dentro 23-22. Santangelo guadagna il primo set-point 24-22. Milan annulla tutto 24-23. Ancora Milan mura Santangelo 24-24. Tocco di seconda per Ferrato 25-24. Il servizio chirurgico di De Paola sorprende la ricezione di Lagonegro, la palla torna in campo ortonese e per Elia, chiudere è un gioco da ragazzi.

SECONDO SET

Santangelo sbaglia il primo servizio 0-1. Fuori il servizio di Bonola 1-2. Fuori anche il servizio di De Paola 1-3. Argenta segue la moda e dai nove metri la butta in rete 2-3. Elia si adegua e sbaglia il servizio 2-4. Bella l’intesa tra Ferrato e Fabi 3-4. Ace per Maziarz 3-6. Anche Pessoa trova l’ace 56. De Silvestre sparacchia fuori la Pipe 6-6. Errore di Elia al centro 7-10 e time-out chiesto da Nunzio Lanci. Santangelo riconquista il servizio 8-10. Pessoa ha buon gioco sulle mani del muro 10-12. De Paola in tuffo non riesce a tenere la palla in gioco 11-14. Fuori di poco il servizio di Ferrato 12-15. Bravo Bonola a stampare la veloce del 13-16. Lagonegro riesce a ricevere una bordata in Pipe di Pessoa e allunga sul 14-18. De Paola prova a mantenere a galla i suoi 16-19. Spettacolare azione di gioco con gli ospiti sugli scudi che riescono a difendere tutto. Soltanto al terzo tentativo, Pessoa avrà la meglio 17-19. Errore di Santangelo che attacca sulla rete 17-21. Argenta trova il mani-fuori del 19-24. Bulfon attacca sull’asticella e sul 20-25 la situazione dei set è in perfetta parità.  

TERZO SET

Resta in campo Bulfon per Ortona e al servizio c’è Maziarz che sbaglia 1-0. Argenta fa subito 1-1. Milan, servito male, non può fare altro che appoggiare in rete 3-1. Milan è una spina nel fianco e il suo servizio mette in seria difficoltà Ortona 3-3. Bulfon murato 3-4. Pessoa sbaglia la battuta 4-5. De Paola, servito male, trova il muro di Argenta 4-6. Stavolta De Paola passa 5-7. Fuori l’attacco di Maziarz 7-7. Errore al servizio per Argenta 8-8. Bordata di Pessoa 10-11.         Ancora un attacco di prima intenzione per Ferrato 12-12. Ace firmato da Pessoa 14-13. Ace di Argenta 15-17. Errore di Di Silvestre al servizio 17-18. Fuori l’attacco di Santangelo, occasione sfumata 18-20. Dentro di poco la diagonale di Santangelo 20-21. Ace fortunoso di Pessoa, classico punto con l’aiuto del nastro 21-21. Di Silvestre prende l’asticella 22-21. De Paola toglie un paio di castagne dal fioco 23-22. Fuori la diagonale di Argenta 24-22. Ancora fuori l’attacco di Argenta, il video-check non vede tocchi a muro e la Sieco conquista un punto.

QUARTO SET

De Paola sbaglia il servizio 1-0. Pessoa murato 0-3. Impercettibile, ma il tocco del muro c’è. Santangelo firma il primo punto ortonese 1-4. Muro di Fabi 2-4. Non c’è invasione aerea e la Sieco trova subito il pareggio 4-4. Fuori la parallela di Santangelo 4-6. Mani-Fuori di Pessoa 6-7. Fuori l’attacco di Argenta, ancora pareggio 7-7. De Paola tocca a muro e si autoaccusa 8-9. Pistolesi ha buon gioco con il muro di Ortona 8-10. Va fuori il muro solitario di Santangelo 12-14. Quattro tocchi fischiati a Lagonegro 15-15. Arriva un buon muro di Elia 16-15. Errore di Pistolesi, palleggia direttamente fuori 17-15. De Paola aumenta le distanze 18-15. Pregevole il pallonetto di De Paola 19-16. Maziarz sbaglia il servizio e Ortona fa un sospiro di sollievo 20-18. Il Muro di Pessoa vale il 21-18. Crampi per Pessoa, entra Cappelletti. Ferrato sveglia il muro abruzzese 22-18. Cappelletti si vede respinto il pallonetto 23-20. Milan sbaglia il servizio 24-20. Invasione fischiata ad Ortona, la festa è rimandata 24-21. Fabi con un preciso e potente attacco al centro chiude la gara 25-21.

LE VOCI

Coach Nunzio Lanci: «Senza dubbio quello di stasera è un altro passo importante nella nostra rincorsa alla salvezza. Dopo aver ottenuto una serie di vittorie importanti temevo un rilassamento dei miei ragazzi e invece sono stati davvero molto bravi. È vero, Lagonegro ha commesso molti errori ma è merito nostro averne saputo approfittare. Ci abbiamo sempre creduto, siamo rimasti attaccati agli avversari anche nei momenti di appannamento quindi bravi noi a non aver mai mollato. La prossima gara a Pordenone contro Motta di Livenza sarà dura ma è nostro dovere provare a vincere per tenere il passo delle altre squadre in lotta per la permanenza in serie A2. Quest’anno la quota salvezza sarà altissima come mai era successo prima d’ora».    

Sieco Service Ortona – Cave Del Sole Lagonegro 3-1 (26-24 / 20-25 / 25-22 / 25-21)

Sieco Service Impavida Ortona: Fabi 5, Pessoa 19, Benedicendi (L) n.e., Di Silvestre n.e, De Paola  11, Fusco (L) 68% POS – 48% PERF, Santangelo 13, Del Fra, Bulfon, Molinari n.e, Elia 4, Cappelletti, Ferrato 6.

Cave Del Sole Lagonegro: Biasotto n.e, Argenta 13, El Moudden (L) 45% POS – 45% PERF, Hoffer (L) 33% POS – 22% PERF, Zivojinovic n.e., Beghelli n.e, Pistolesi 2, Di Silvestre 12, Bonola 8, Milan 18, Armenante 2, Maziarz 10.  

Durata Gara: 1h 58’

Durata Set: 32’/ 27’ /29’ /30’

Muri Punto:  Ortona 9- Lagonegro 9

Aces: Ortona 5 – Lagonegro 2

Errori Al Servizio: Ortona 15 – Lagonegro 21

Percentuali Attacco: Ortona 45% – Lagonegro 51%

Percentuali Ricezione:  Ortona 60% POS. /  43% PERF. – Lagonegro 46% POS. /  32% PERF

Arbitri: TONI Fabio (Terni), ORANELLI Alessandro (Spoleto)

Prossima Gara:        Domenica 27 febbraio ORE 17.30

                                   Hrk Motta di Livenza – Sieco Service Impavida Ortona