Non una delle migliori partite della SIECO mantenuta a galla da una prestazione superlativa di Marks, che alla fine segnerà ben 31 punti. Di contro, la prova di Santa Croce è stata notevole in ogni fondamentale.
Le due squadre che si schierano una di fronte all’altra sulla linea dei tre metri e separate dalla rete si salutano con un cenno della testa o con un lieve inchino. Spalti vuoti, nessun tamburo, nessun squillo di tromba. Surreale. Equilibrato l’inizio di gara con gli ospiti che tentano la fuga in un paio di occasioni trascinati dal buon gioco di Padura Diaz e della coppia dei centrali. Nunzio Lanci si affida invece alle bordate di un rinato Cristoph Marks che impensierisce non poco la ricezione dei toscani e permette agli impavidi di rimanere in gara. Alla fine è la Sieco che ha la ghiotta occasione di fare suo il set, con un doppio vantaggio conquistato sugli avversari costretti a rincorrere. È una lotta fino all’ultimo punto. La Sieco dilapida un vantaggio di tre punti e si fa beffare da una palla float di Colli che vale il set. Lo strascico negativo dell’ultimissima parte del primo set si fa sentire anche all’inizio del secondo parziale quando Ortona commette tre errori di seguito dando un buon vantaggio agli avversari. La Sieco però non demorde e riesce a recuperare punto su punto, superando e staccando l’avversario. Ma come era accaduto in precedenza, la distanza non è mai abbastanza con un avversario forte come Santa Croce che si rimbocca le maniche e nella parte centrale del secondo parziale agguanta gli impavidi. Continua il bel gioco di Santa Croce nel terzo set con la Sieco che torna a soffrire il servizio ed il gioco al centro degli avversari. Si spegne completamente la SIECO e Coach Lanci schiera le seconde linee in vista della battaglia decisiva rappresentata dal quarto set. Al rientro in campo la SIECO tenta la reazione ma gli avversari sono davvero in un ottimo stato di forma e acquistano subito un buon margine di vantaggio. Gli attaccanti abruzzesi devono faticare non poco per scardinare un muro ben piazzato. Non riesce ad una Sieco un po’ sotto tono di raddrizzare la gara. Anche il quarto set va agli avversari che hanno avuto sempre il coltello dalla parte del manico con i padroni di casa che con un colpo di coda riescono a costringere l’avversario ai vantaggi. Arriva dunque la prima sconfitta in casa per questa stagione regolare. L’appuntamento è per domenica prossima, sempre in casa contro la Peimar Calci, salvo diversa decisione della Lega Pallavolo in ottica prevenzione coronavirus.

Coach Nunzio Lanci: «Non è stata la nostra migliore partita. Abbiamo provato a giocarcela fino alla fine ma i nostri avversari sono stati più bravi di noi soprattutto nei finali di set a differenza nostra che abbiamo invece perso di lucidità. Il fatto di non aver avuto la solita spinta del pubblico di casa non deve rappresentare una scusante. È nostro dovere continuare ad allenarci come sempre in attesa di quelle che saranno le deisioni della lega o della FIPAV in merito a questo campionato»

PRIMO SET. Coach Lanci conferma la formazione che tanto bene aveva fatto contro la BCC di Castellana grotte. Scendono in campo il regista Pedron e l’opposto Marks mentre al centro si vedono Capitan Simoni e Michael Menicali. Gli schiacciatori sono Ottaviani e Bertoli. Libero Toscani. Gli ospiti si schierano con Alessandro Acquarone in regia, Williams Padura Diaz opposto, schiacciatori Leonardo Colli e Riccardo Mazzon, centrali Federico Bargi e Jacopo Larizza. Damiano Catania libero. Si parte quindi nel silenzio più assoluto. Solo la eco del fischio di inizio decretato dal Signor Talento che si spegne lenta. Bertoli serve la prima palla ma il punto è degli ospiti subito ripresi da una bomba di Marks 1-1. Doppio vantaggio ospite dopo un’ottima difesa su pipe di Bertoli 1-3. Sbaglia Padura Diaz, il suo pallonetto è troppo debole 3-3. Bargi ferma Simoni con un muro solitario ed è di nuovo +2: 3-5. Quando Ottaviani non riesce a recuperare una palla complicata e tocca l’asticella, sul 3-6 Nunzio Lanci chiama tempo. Out il servizio di Ottaviani 4-7. Errore di Mazzon al servizio 6-8. Arriva anche il punto di Bertolo 8-9. Ottaviani stampa il classico murone a fermare Padura Diaz ed è pareggio 10-9. Ottaviani cerca ma non trova il tocco del muro ospite e i Lupi volano di nuovo 10-12. Ancora Padura Diaz che capitalizza al meglio l’ennesima ricostruzione 11-15. Marks ha buon gioco al servizio e poi in ricostruzione 13-15. Ace per Bibob che da solo ha riportato i suoi molto vicini agli avversari 14-15. Ancora una bomba di Marks che non permette una costruzione pulita del gioco avversario. Il muro a tre fermerà poi Diaz per il 15-15. Out il servizio di Ottaviani 16-17. Il muro di Marks vale il sorpasso 19-18. Non c’è tocco sull’attacco di Diaz, l’elettronica conferma la decisione arbitrale 21-19. Marks con una diagonale stretta mantiene le distanze 22-20. Menicali serve sulla rete 23-21 poi Colli la tira così forte che è impossibile per Ottaviani tenerla, sulla palla di ritorno si avventa Padura Diaz 23-22 e time-out per Coach Lanci. Colli ancora fondamentale per i suoi, buona fase al servizio e Padura Diaz gioca la palla del contro-sorpasso. Colli sorprende tutti variando il servizio che da forte diventa float. La ricezione ortonese va in tilt ed è vittoria ospite 23-25.

SECONDO SET con ospiti che sfruttano tre errori ortonesi e vanno avanti 1-3. Padura Diaz ci prova tre volte ma per tre volte viene fermato dal muro di Ortona, poi Ottaviani segna il 5-5. La retroguardia di Ortona ha buon gioco, così come con la successiva ricostruzione Ottavini e Marks compiono il sorpasso 7-5. Errore di Menicali dai nove metri 8-7. Va fuori l’attacco del centrale dei Lupi, poi Marks aumenta il vantaggio 11-7. Bibob continua a martellare 14-10. Menicali spegne il tentativo di rimonta. Il suo muro vale il 15-12. Gli avversari tornano pericolosi annullando la distanza di sicurezza 17-16. Bertoli prova a scavare un nuovo solco 19-16. Ortona va in difficoltà nella fase di ricezione e Santa Croce ne approfitta per riaprire i giochi 20-19.
Bertoli annulla lo spauracchio di Colli al servizio, subito punto 22-20. Larizza sbaglia dai nove metri 23-21. È Marks l’autore del punto n.24 ed è sempre lui che si appresta al servizio. Errore per il tedesco 24-23. Subito dopo però Marks trova il mani fuori del 25-23.

TERZO SET. Con partenza in perfetto equilibrio ma con gli ospiti che trovano l’ace di Acquarone per mettere a segno il primo break del parziale 2-3. Larizza ferma tutto a muro 2-5. Arriva l’errore di Colli, dai nove metri centra la rete 3-6. Padura Diaz attacca forte 6-10. Fase favorevole ai Lupi. Riesce proprio tutto agli avversari che acquistano un vantaggio considerevole 6-13. Nunzio Lanci ferma il gioco. La pausa non giova ai ragazzi impavidi che continuano a subire il gioco degli avversari 6-16. Out il servizio di Ottaviani 8-18. Marks da una scossa ai suoi, ma la distanza rimane siderale 10-19. Dai nove metri sbaglia Colli 11-21. Errore anche per Padura Diaz 14-23. Bella la veloce al centro di Bargi 15-24. Lo stesso Bargi pone fine alle sofferenze dei padroni di casa con il suo muro 15-25.

QUARTO SET. Si con Sesto preferito a Capitan Simoni ma gli avversari sono molto efficaci in fase di copertura e con una buona ricostruzione vanno in vantaggio sul 1-4. Marks trova il mani-fuori 5-6. Ancora un muro per i Lupi 6-10 e Nunzio Lanci ferma il gioco. L’attacco di Padura Diaz tocca il muro, la palla si impenna e va fuori 8-12. Termina fuori l’attacco dei toscani, la SIECO torna sotto 11-12. Murato Bertoli 11-14. Marks gioca a biliardo con le mani del muro 13-15. Arrivano poi l’ace di Menicali ed il muro di Sesto 15-15. Ottimo il pallonetto di Bertoli che manda tutti fuori tempo 17-17. Il muro di Sesto vale il sorpasso 18-17. Out la parallela di Marks 18-19. Magia di Ottaviani che fa punto schiacciando da fermo contro un muro a tre 19-19. Marks fermato a muro 19-21. È buono il primo tempo di Bargi 20-22. È Marks a tenere vive le speranze dell’Impavida 22-23. Ancora Marks, trova il punto del 23-23. Ottaviani con l’aiuto della rete porta il set ai vantaggi 24-24. Errore di Ottaviani al servizio 25-26 ma Marks vuole continuare a giocare 26-26. Il Muro di Padura Diaz mette fine al set e alla gara 26-28.

Sieco Service Impavida Ortona: Simoni 2, Pesare (L) n.e., Bertoli 10, Sesto 2, Ottaviani 11, Pedron 1, Toscani (L), Del Frà, Salsi, Carelli n.e., Marks 31, Astarita 1, Menicali 10. Allenatore: Nunzio Lanci. Vice Allenatore: Mariano Costa.
Kemas Lamipel Santa Croce: Bargi 11, Mannucci n.e., Andreini n.e., Padura Diaz 22, Di Marco, Acquarone 1, La Rizza 16, Catania, Turri Prosperi, Marra, Colli 12, Mazzon 6. Allenatore: Pagliai Alessandro. Vice Allenatore Douglas Cezar
Sieco Service Impavida Ortona – Kemas Lamipel Santa Croce 1-3 (23-25 / 25-23 / 15-25 / 26-28)
Durata Incontro: 1h 50’
• I Set: 27’
• II Set: 29’
• III Set: 22’
• IV Set: 32’
• V Set: 
Muri Punto:
• Ortona: 9
• Santa Croce: 12
Aces:
• Ortona: 2
• Santa Croce: 3
Errori Al Servizio:
• Ortona: 15
• Santa Croce: 12 
Arbitri Dell’Incontro: 
• Primo: Talento Matteo (Lucca)
• Secondo: Vecchione Rosario (Salerno)